UN CAMPANELLO DI ALLARME # IL SUPERALLENAMENTO

A livello psicologico – Scarsa concentrazione e tendenza a distrarsi

– Poca voglia di allenarsi e di gareggiare

– Umore instabile

– Irritabilità

– Abbassamento dell’autostima

– Abbattimento

– Poca determinazione

– Scarsa capacità di autovalutarsi

A livello di prestazione – Minore capacità di prestazione

– Recuperi meno rapidi

– Minore tolleranza dei carichi

– Peggioramento tecnico e riaffiorare di vecchi errori

– Minore forza (soprattutto massima)

A livello fisiologico – Frequenza cardiaca a riposo più alta

– Variazioni di pressione arteriosa

– Variazioni nell’elettrocardiogramma (Onda T)

– Maggiore consumo di ossigeno ad intensità submassimali

– Dolori muscolari

– Perdita di peso

A livello biochimico – Cortisolo e catecolamine più alte

– Minore concentrazione di testosterone

– Minore concentrazione di lattato in attività massimali

– Minore resintesi del glicogeno

– Maggiore concentrazione di urea

– Mestruazioni irregolari

– Minore contenuto di calcio

– Produzione di acidi urici

A livello vegetativo – Poco appetito (anche anoressia ma a volte bulimia)

– Insonnia

– Percezione di fatica sistematica

– Mal di testa

– Nausea e disturbi gastro-intestinali

– Senso di pesantezza

A livello del sistema immunitario – Maggiore facilità di infortuni e infezioni

– Riduzione dei linfociti

(*) da Beccarini C. e Madella A.: Progettare e gestire l’allenamento sportivo – SdS Coni

F.L.

Precedente LE COMPETENZE DEL TECNICO SPORTIVO Successivo RAGIONIAMO SU EDUCAZIONE FISICA